Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Calatafimi Segesta – Trapani

Calatafimi Segesta – Trapani
Trapani

Calatafimi Segesta è un piccolo paese in provincia di Trapani, sito tra le colline dell’agro segestano.
Il nome originario del paese era Calatafimi e solo dal 1997 ha preso l’attuale denominazione.
Un delizioso paese che si estende tra il silenzio e il verde del trapanese, ideale per chi cerca ristoro tra la calma e la pace.

Storia di Calatafimi Segesta

Calatafimi Segesta si è sviluppato nel IX secolo intorno al Qal’at Fîmî, il Castello di Eufemia (del quale ancora oggi restano alcune tracce), nei pressi della città elima di Segesta. Questo piccolo borgo appartenne al demanio fino al 1336 anno nel quale Federico III di Aragona la concesse in feudo al figlio Guglielmo. Dopo gli Aragona il feudo passo nelle mani dei Peralta. Portata in dote matrimoniale come baronia da Donna Violante de Prades a Bernardo Cabrera, Calatafimi divenne parte della Contea di Modica, dal 1420 al 1802 anno nel quale fu inglobata nel demanio del Regno delle due Sicilie ai Cabrera ed successivamente agli Enriquez. Calafimi passò poi ai Duchi di Alba per poi essere annessa al Regno di Sardegna.

Il 15 maggio 1860 ci fu una famosa battaglia tra i Mille e le truppe borboniche proprio sul vicino Colle di Pianto Romano. l’ dove avvenne lo scontro fu eretto un imponente mausoleo, all’interno del quale si conservano le spoglie dei caduti. Questo mausoleo è conosciuto come sacrario di Pianto Romano. Il centro storico di Calatafimi Segesta si estese dal XV/XVI secolo circa.

Monumenti e luoghi d’interesse di Calatafimi Segesta

Oltre l’affascinante area archeologica di Segesta e al mausoleo di Pianto romano in questa zona, per tutti gli appassionati di arte e di storia, c’è il centro storico dove si trovano il Castello Eufemio, un egregio esempio di architettura normanno sveva, la Chiesa del Santissimo Crocefisso, la Chiesa del Carmine, la Chiesa della Madonna del Giubino, la Chiesa di San Michele, la Chiesa di San Giuliano, la Chiesa della Madonna del Soccorso e quella della Santissima Trinità.

Ognuna di queste chiese al proprio interno conserva diverse statue marmoree della scuola di Antonello Gagini e diverse tele. Tra gli altri anche numerosi affreschi neoclassici. Il centro storico è molto caratteristico, formato da diversi piccoli vicoli (con archi a sesto acuto e a tutto sesto), cortili e scalinate che si intersecano vicendevolmente fra loro. Attualmente è disabitato e in stato di abbandono a causa del terremoto che ha colpito la Valle del Belice nel 1968.

A Calatafimi Segesta trovano posto anche tre piccoli musei: il museo civico – archeologico di Segesta, il museo dell’epopea garibaldina e il museo etnoantropologico. Nelle vicinanze dell’abitato si trovano il bosco Angimbè e la pineta di Santa Maria.

Esplora Sicilia vuole presentare anche queste realtà più piccole e dare a tutti la possibilità di godere del bello. È per questi vicoli, queste chiese e antiche case che è possibile ritrovare la storia, un po’ assopita forse, ma ancora tanto presente ed imponente nel suo fascino.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi