Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Giardini Naxos – Messina

Giardini Naxos – Messina
Messina

Giardini Naxos - Messina Giardini Naxos

Nel sud della provincia di Messina: Giardini Naxos, un tempo Naxos Siceliota.
I greci vi arrivarono nell’VIII secolo a. C. e proprio qui fondarono la prima colonia greca dell’isola siciliana.
Il nome in origine era Naxos, come l’omonima isola
(la più grande dell’arcipelago delle Cicladi) nel mar Egeo.

Oggi la cittadina è famosa in tutto il mondo per la sua bellezza e come attrazione turistica, ma di storia ne è passata in questi territori. Dopo i greci arrivarono i siracusani e Dionigi il Vecchio la fece radere al suolo per costruire la vicina Taormina. Il territorio venne donato ai Siculi e gli abitanti furono venduti come schiavi.

Vista Giardini Naxos, Messina

Sulle spoglie della rovina greca, dopo il periodo romano, i bizantini nel 330 d. C. circa formarono un centro abitato che divenne un approdo strategico per la vicina Taormina. Dopo i bizantini gli arabi. Nel 1847 Giardini Naxos ottenne l’autonomia da Taormina e nel territorio si svilupparono la pesca, l’agricoltura (soprattutto di agrumi) e l’artigianato (ferro battuto e ceramica).

Giardini-Naxos-la-spiaggia

Queste attività nel corso del tempo sono quasi scomparse del tutto e la città ha avuto una forte impronta turistica. Sono tanti i turisti che ogni anno scelgono di passare le proprie vacanze tra le bellezze naturali ed artistiche di questa località. Passeggiare nella storia o rilassarsi sulle bellissime spiagge sabbiose o a ciottoli. Il mare è garantito Sicilia, blu, limpido, pulito, spettacolare.

Sto caricando…
0,00 €
Disponibilità
da:
3 Novembre 2018

Olio extra-vergine d’oliva 2018

La raccolta della produzione 2018 di olive è terminata e il nostro olio extra-vergine d’oliva  è di qualità eccellente come sempre. Da quest’anno il gusto classico è anche presidio Slow Food. Il nostro uliveto ultra centenario è stato riconosciuto come eccellenza italiana. La produzione è monocultivar e la spremitura a freddo per le tre varietà: Nocellara del Belìce: gusto intenso e forte con sentore di pomodoro. Giuseppe consiglia: “con arrosti importanti e bruschette” Cerasuola: gusto classico della varietà trapanese, profumo di erba fresca e carciofo Giuseppe consiglia: “a crudo con le insalate, per il pesto alla trapanese e per una frittura croccante”…

Su questo sito utilizziamo i cookies per raccogliere utili informazioni circa il suo utilizzo e migliorare ogni giorno l'esperienza di navigazione dei nostri utenti. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare l'informativa estesa nella pagina dedicata alla nostra Cookie Policy, dove potrai inoltre modificare o revocare il tuo consenso in qualsiasi momento. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi