Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Leonforte – Enna

Leonforte – Enna
Enna

Leonforte è un paese della provincia di Enna, nel cuore della Sicilia e degli Erei. Si estende sul pendio di una collina e arriva a 700 m.s.l. nella sua parte più alta che è il centro storico.
Nel territorio di Leonforte si trova il Monte Altesina (1192 m) che nell’antichità era identificato con l’appellativo di “Monte Ereo” ed era un importantissimo riferimento poiché divideva la Sicilia in tre valli. Oggi sulla cima di questo monte si possono ammirare i resti di un villaggio preistorico e di recente è stata istituita anche la Riserva Naturale del Monte Altesina.

Storia di Leonforte

Anticamente in queste zone sorgeva l’insediamento di Tabas o Tavaca.
Con la dominazione bizantina, e in seguito quella araba, fu costruito il castello di Tavi e un casale nelle sue vicinanze. Furono introdotti anche dei sistemi di irrigazione delle colture e costruiti numerosi mulini per sfruttare l’abbondanza di acqua di queste zone.
Poi fu la volta dei normanni e nel XV secolo arrivò la famiglia dei Branciforti.

Nel 1610 Nicolò Placido Branciforti fondò la città di Leonfonte, in omaggio al blasone della sua casata ( un leone che regge lo stendardo con in moncherini delle zampe ed il motto “in fortitudine bracchi tui”), e cercò di potenziare al massimo le possibilità di questo territorio ricco di acqua e di mulini.

Nel 1622 Leonforte fu elevata al rango di principato. In seguito a queste trasformazioni Leonforte visse un periodo di sviluppo economico e benessere, si ingrandì ed in seguito all’agricoltura si sviluppò anche l’artigianato.

Nel 1852 la città passò nelle mani dei conti Li Destri di Bonsignore. Oggi Leonforte è un paese che basa la sua economia principalmente sul terziario anche se molto importanza riveste anche l’agricoltura (grano, ulivo, fava larga e pesca settembrina). Le attività commerciali sono in continua espansione e si avviano verso un sempre maggiore sviluppo.

Cosa vedere a Leonforte

Durante gli anni sono diversi i monumenti che sono stati costruiti a Leonforte e che meritano una visita. Partendo dalle architetture religiose possiamo annoverare:

la Chiesa Madre; la Chiesa e Convento dei Padri Cappuccini (mausoleo dei Branciforti che fa da cornice al sarcofago della Principessa Caterina Branciforti morta nel 1634); la Chiesa della Madonna del Carmelo; la Chiesa di S.Stefano; la Chiesa di S.Antonino; la Chiesa di Santa Croce; la Chiesa della Madonna della Carità; la Chiesa della Mercede; la Chiesa di S.Giuseppe; la Chiesa di S.Francesco di Paola; la Chiesa dell’Annunziata; la Chiesa del SS.Salvatore e la Chiesa della Madonna della Catena.

Tra le architetture civili: Granfonte, Palazzo Branciforti, Villa Comunale (Branciforti), Scuderia (Branciforti), Piazza 4 novembre, Villa Bonsignore, Giardino e Fontana delle ninfe e Palazzo Gussio.

Un cenno particolare merita il Castello di Tavi.
Questo castello è la più antica testimonianza della presenza umana in questi territori.

Le rocce nascondono i resti di un antico castello che giunge all’altezza massima di 517 m.s.l.m. Tradizione vuole che Tavi, o Tavaca, era un’antica cittadina Sicula nel corso degli anni ellenizzata e poi scomparsa. I ruderi che restano di questa antica civiltà sono solo quelli del castello che serviva come punto di controllo dell’intera vallata e delle numerosissime sorgenti di acqua. Ma il cuore di Tavaca era li dove oggi si trova il quartiere di Granforte.

Granfonte (grande fontana), Leonforte, provincia di Enna, Sicilia

Granfonte (grande fontana), Leonforte, provincia di Enna, Sicilia

Il castello fu abitato da diverse nobili famiglie fino ad arrivare ai Branciforte. Con questa famiglia, come detto precedentemente, sorse Leonforte e il castello perse importanza. Oggi è ancora possibile notare delle muraglie, una delle quali con finestra quadrangolare, vani sotterranei scavati nella roccia, un frantoio e due vasche.

Lungo la vallata del fiume Bozzetta si trova anche Villa Gussio, una costruzione patrizia dell’800 molto bella e pregiata.

Ma i segni della storia sono molti altri difatti è possibile osservare gli antichi mulini ad acqua, la vecchia linea ferroviaria Dittaino-Nicosia, i ruderi della Chiesa di San Pietro, a numerosi reperti preistorici.

Ma a fare da padrona in questi posti è anche la natura con i Monti Erei (Montagna di Mezzo, Monte Scala e Monte Boscorotondo) che presentano dei suggestivi paesaggi naturali che vanno dalla roccia agli ambienti boschivi con querce, sugheri, roverelle e lecci.

Un posto da non perdere è Lago Nicoletti, un lago artificiale nato negli anni settanta, che ospita numerosi uccelli migratori.

Video Leonforte

Altre info su Leonforte

La manifestazione più importante che si tiene a Leonforte è il premio letterario “Città di Leonforte”. Nel 2010 sono stati inaugurati anche la “Mediateca Comunale Branciforti” e “L’ecomuseo”. Gli aventi più importanti e sentiti di questa cittadina dell’entroterra siciliano sono: la Sagra delle pesche (primo fine settimana di ottobre), la festa di San Giuseppe (18/19 marzo), festa di Sant’Antonio da Padova (11/12/13 giugno), festa della Madonna del Carmelo (16 agosto) e festa della Madonna della Catena (seconda domenica di ottobre).

Leonforte è un modo per vedere una Sicilia diversa, una Sicilia fatta di pascoli e vallate, una Sicilia dominata dai monti Erei che con la loro bellezza dominano l’intero paesaggio ed Esplora Sicilia non poteva non annoverarla tra i suoi posti da visitare. Per una vacanza diversa, un giorno diverso, Leonforte, piena di storia e natura, è il posto ideale.



Booking.com

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi