Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Cosa vedere a Catania

Cosa vedere a Catania
Catania

Catania è una città storica siciliana, ricca di percorsi culturali per conoscere meglio la storia e le origini di questa splendida località.

Anfiteatro Romano

Sorge al margine della Piazza Stesicoro ed è un significativo testimone di edilizia pubblica romana. La grandiosa struttura dell’ellisse era di poco più piccola di quella del romano Colosseo ed è databile al II sec. d. C.; sembra che le sua scale potessero ospitare sino a 16.000 spettatori. Decaduto e rovinato a partire dal V sec., costituì materiale d’asporto per la realizzazione di nuove opere pubbliche.

Teatro Bellini

Costruzione classica della seconda metà dell’Ottocento dedicata al grande compositore catanese. È opera degli architetti A. Scala e C. Sada e si distingue per la splendida sala interna.

Castello Ursino

Poderosa costruzione a pianta quadrata eretta nella prima metà del XIII sec. da Riccardo da Lentini che la progettò per Federico II di Svevia, il quale volle in tal modo garantire la fascia costiera dal pericolo di incursioni piratesche, oltre che disporre di una cittadella fortificata in città per controllare eventuali sommosse popolari.

Visita gli altri Castelli di Catania:

Paternò, Adrano, Calatabiano e Fortezza di Aci Castello

L’Etna

L’edificio vulcanico dell’Etna venne sviluppandosi dalle profondità di un ampio seno marino, che nel Quaternario sommergeva l’attuale piana di Catania. Il circondario etneo propriamente detto è compreso entro le depressioni dell’Alcantara, a settentrione, e del Simeto, ad occidente e a sud. Il maggior vulcano attivo d’Europa è anche conosciuto come Mongibello nell’uso dotto. Esso presenta un’altezza soggetta a variazioni, come tutti i vulcani in attività, attualmente fissata a 3.323m; ha una superficie di 1.570 kmq e sviluppa un perimetro di quasi 200 km. Il territorio etneo, per il rilevante significato naturalistico e l’eccezionale valore paesaggistico, antropico ed ambientale, è stato dichiarato Parco Naturale, con apposita disposizione legislativa della Regione Sicilia.

Una leggenda vuole che Efesto (dal greco efestio, vulcano), dio greco del fuoco ed abile forgiatore di metalli, abitasse negli anfratti del Monte Etna. Figlio di Zeus e Semele, Dionisio, dio del vino (oinos), secondo il mito fu costretto a vagabondare in ogni regione per sfuggire alla collera di Era, moglie tradita di Zeus, diffondendo così nel mondo la coltivazione della vite, che attecchisce bene nei terreni di origine vulcanica.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi