Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Parco della Favara

Parco della Favara
Parchi e Riserve della Sicilia

Parco della FavaraParco della Favara

La Favara (dall’arabo al-fawwāra “la sorgente”) fu il nome del parco reale normanno di Palermo, chiamato anche Parco di Maredolce. Questo meraviglioso parco, denso di storia e di arte, si trova nella parte est di Palermo, sul finire del quartiere Brancaccio. L’antico parco era costituito dal Castello di Maredolce, un giardino di delizie e un lago artificiale. La dedizione che Ruggero mise nella costruzione di questo parco e del Castello fu tantissima a partire dal bacino artificiale, per finire al piccolo isolotto che si trovava al centro. La piccola isola centrale era raggiungibile solo in barca ed era ricco di piante e fiori, una vera delizia per chi voleva riposarsi.

Il parco della Favara si trova oggi ai margini di un quartiere di periferia, in parte intatto nella superficie originale. La speculazione edilizia si è fermata ai margini del bacino, che raccogliendo ancora le acque della montagna vicina, ha protetto il parco. Le sorgenti principali che lo alimentavano sono state invece captate dall’acquedotto comunale. Il Castello di Maredolce è ancora esistente, ed è stato restaurato di recente, ma non è aperto al pubblico.

Il Parco della Favara apparteneva ad un sistema di residenze reali di delizia, i cosiddetti “sollazzi regi”, che godettero del massimo splendore sotto Re Guglielmo II (la Cuba Sottana, oggi Castello della Cuba, la Cuba Soprana, oggi villa Napoli, con annesso padiglione della Cubola, entrambi all’interno di un ampio bacino lacustre artificiale contornato da vegetazione, il Castello della Zisa e infine il Castello dell’Uscibene, in completo degrado nella zona di Fondo Caro, pervasa da scempi da abusivismo edilizio). Questo insieme di palazzi nobili impressionava tutti i visitatori e fu denominato Jannat al-arḍ (“Il giardino – o Paradiso – della terra o delle rose”), il Genoardo.

Proprio tra queste bellezze, Boccaccio ambientò una delle novelle suo Decameron, la vicenda dell’amore tra Gian di Procida e Restituta, una bellissima ragazza di Ischia. Un posto da visitare, un posto intriso di storia e di bellezza che fu. L’attraente e meravigliosa Palermo offre un altro incantevole posto da visitare a tutti coloro che amano l’arte e si deliziano tra i fasti del passato.

Parco della Favara

Sto caricando…
0,00 €
Disponibilità
da:
3 Novembre 2018

Olio extra-vergine d’oliva 2018

La raccolta della produzione 2018 di olive è terminata e il nostro olio extra-vergine d’oliva  è di qualità eccellente come sempre. Da quest’anno il gusto classico è anche presidio Slow Food. Il nostro uliveto ultra centenario è stato riconosciuto come eccellenza italiana. La produzione è monocultivar e la spremitura a freddo per le tre varietà: Nocellara del Belìce: gusto intenso e forte con sentore di pomodoro. Giuseppe consiglia: “con arrosti importanti e bruschette” Cerasuola: gusto classico della varietà trapanese, profumo di erba fresca e carciofo Giuseppe consiglia: “a crudo con le insalate, per il pesto alla trapanese e per una frittura croccante”…

Su questo sito utilizziamo i cookies per raccogliere utili informazioni circa il suo utilizzo e migliorare ogni giorno l'esperienza di navigazione dei nostri utenti. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare l'informativa estesa nella pagina dedicata alla nostra Cookie Policy, dove potrai inoltre modificare o revocare il tuo consenso in qualsiasi momento. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi