Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Museo Diocesano di Caltanissetta

Museo Diocesano di Caltanissetta
Musei e Monumenti

Museo Diocesano di Caltanissetta

Museo Diocesano di Caltanissetta

Il Museo Diocesano di Caltanissetta è la testimonianza della storia della chiesa locale. La Diocesi di Caltanissetta fu fondata nel 1844 da Papa Gregorio XVI e comprende 18 comuni del centro della Sicilia.

Questi comuni furono fondati tra il XVI e il XVII al fine di popolare i grandi feudi che formavano il cuore dell’isola e ognuno di questi comuni sorse attorno ad una chiesa. Fu così che questi piccoli centri si sviluppò devozione e partecipazione alla liturgia della Chiesa, alla sua attività caritativa e sociale.

Di questa storia e di questa tradizione il Museo è testimone e mostra immagini, statue, vasi sacri e paramenti per la liturgia.
Questo Museo è composto da dieci sale nelle quali si possono ammirare diverse opere del passato che hanno fatto grande questa diocesi.

Le dieci sale del Museo Diocesano di Caltanissetta

Nella sala numero 1 si trovano opere che risalgono ai secoli XVI e XVII, paramenti realizzati con meravigliosi ricami, vasi sacri per la celebrazione eucaristica, un tavolo teca dove è conservato un osculum pacis, un quadretto per il segno della pace nella celebrazione eucaristica, tratto da un disegno di Albert Dürer.

Museo Diocesano di Caltanissetta

La sala numero 1 contiene inoltre tre preziose sculture: S. Pietro in cattedra, un Crocifisso ligneo e una terracotta rappresentante S. Giovanni Battista. Nella camera numero 2 si possono ammirare opere pittoriche del XVI secolo e dell’inizio del XVII. Al centro una statua lignea di S. Apollonia e in due vetrine sono contenuti un ostensorio gotico del secolo XVI e un cofanetto eburneo. Da segnalare tra le opere pittoriche la tavola raffigurante lo Spasimo di Sicilia. Nella sala numero 3 si trovano diverse statue, una della Madonna e una di S. Margherita, esempi classici della statuaria siciliana del secolo XVI. Altre quattro opere di marmo rappresentano i momenti della fede e della cultura in Sicilia. La sala numero 4 è dedicata a Guglielmo Borremans, pittore fiammingo arrivato in Sicilia nel XVIII chiamato dal Filippo Riccobene per dipingere il duomo della città.

Museo Diocesano di Caltanissetta

Nella stanza numero 5 è dedicato a Vincenzo Roggeri mentre la numero 6 ai pittori Cappuccini il cui ordine è sempre stato presente nella città nissena. La stanza numero 7 si presenta come una vetrina di paramenti sacri di stoffe settecentesche del XVIII secolo. ai lati della vetrina si trovano due quadri rappresentanti la disputa davanti ai giudici e il martirio di S. Caterina d’Alessandria. Dentro una bacheca di vetro si trova custodito un S. Michele n terracotta. All’interno della stanza numero 8 si trovano le opere di alcuni pittori di Caltanissetta nell’800.

Nella sala numero 9 si trovano opere dell’arte sacra del Novecento di artisti quali Salvatore Cascone, Luigi Filocamo, Silvio Consadori, Trento Longaretti, Luigi Brambati, Aldo Carpi, Salvatore Randazzo. Nella sala numero 10 si trova pittura sacra del 900 ad opera di Giovanni Prini. Una grande sala convegni chiude il percorso del museo e qui si trovano degli antichi armadi della Biblioteca del Seminario Vescovile, che contengono volumi che vanno dal secolo XVI al secolo XIX e alcune opere pittoriche.

Info Museo Diocesano di Caltanissetta


 

  • Museo Diocesano di Caltanissetta
    Viale Regina Margherita, 51 – 93100 |
    Caltanissetta
    Tel. +39 0934 21446

 

>> Musei di Caltanissetta

Sto caricando…
0,00 €
Disponibilità
da:
3 Novembre 2018

Olio extra-vergine d’oliva 2018

La raccolta della produzione 2018 di olive è terminata e il nostro olio extra-vergine d’oliva  è di qualità eccellente come sempre. Da quest’anno il gusto classico è anche presidio Slow Food. Il nostro uliveto ultra centenario è stato riconosciuto come eccellenza italiana. La produzione è monocultivar e la spremitura a freddo per le tre varietà: Nocellara del Belìce: gusto intenso e forte con sentore di pomodoro. Giuseppe consiglia: “con arrosti importanti e bruschette” Cerasuola: gusto classico della varietà trapanese, profumo di erba fresca e carciofo Giuseppe consiglia: “a crudo con le insalate, per il pesto alla trapanese e per una frittura croccante”…

Su questo sito utilizziamo i cookies per raccogliere utili informazioni circa il suo utilizzo e migliorare ogni giorno l'esperienza di navigazione dei nostri utenti. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare l'informativa estesa nella pagina dedicata alla nostra Cookie Policy, dove potrai inoltre modificare o revocare il tuo consenso in qualsiasi momento. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi