Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Galleria Regionale Palazzo Abatellis

Galleria Regionale Palazzo Abatellis
Musei e Monumenti

Galleria Regionale Palazzo Abatellis, Palermo

La Galleria Regionale Palazzo Abatellis si trova a Palermo ed è sede espositiva di diverse collezioni. Sono diversi i laboratori e le sale che compongono questo affascinante mondo, tutto da visitare e da scoprire.

Ala quattrocentesca

Palazzo Abatellis sorge nel cuore del quartiere della Kalsa, vicino l’antico porto della Cala. La costruzione di questo nobile palazzo risale al 1495, quando Francesco Abatellis o Patella, affida il progetto a Matteo Carnelivari, architetto siciliano. L’edificio si sviluppa in due piani, intorno ad un ampio atrio caratterizzato, nella parte occidentale, da un doppio loggiato ed una scala esterna che porta al piano nobile. La facciata principale è dominata dal magnifico portale di ingresso, mentre nella parte occidentale si trova la torre merlata. Alla morte di Francesco Abatellis l’edificio viene trasformato in convento di benedettine. I gravi danni provocati dai bombardamenti del ’43 sollecitano il restauro dell’intero complesso, che diventa la nuova sede della Galleria Nazionale della Sicilia e fu aperto al pubblico il 23 giugno 1954.

Ala “settecento”

Sul retro dell’edificio quattrocentesco si trova la grande ala settecentesca, che fu realizzata a partire dal XVI secolo dalle benedettine della vicina Chiesa della Pietà. I due corpi di fabbrica prospicienti sul cortile, ospitano gli uffici amministrativi e, al piano terra, i laboratori di restauro con annessa falegnameria. Alcuni anni fa i piani superiori sono stati resi fruibili e si accede a questi attraverso il cortile oppure continuando il percorso del museo (dall’ultima sala dell’ala quattrocentesca). Questi nuovi ambienti ospitano un’importante raccolta di pittura di fine cinquecento e seicento, dal manierismo al barocco siciliano, distribuita cronologicamente nella “Sala Verde” al primo piano e la “Sala Rossa” al secondo piano.

Oratorio dei Bianchi

L’Oratorio dei Bianchi è ancora in fase di restauro anche se al primo piano sono già esposti alcuni arredi settecenteschi, una scultura di Marabitti e due statue marmoree, una di Antonello Gagini e l’altra di Vincenzo Vitagliano. Alla fine del restauro tutte le sale saranno dedicate all’esposizione. L’antico complesso architettonico sorto nel corso di secoli è uno dei più significati della città. Il nucleo più antico è costituito dai resti lignei della Porta della Vittoria (riferimento alla vittoria di Roberto il Guiscardo sugli Arabi che proprio alla Kalsa avevano la cittadella fortificata). Su questi resti sorse a fine Quattrocento la chiesa della Vittoria che nel corso del XVIII secolo assunse l’attuale assetto longitudinale. Dalla metà del XVI secolo, al di sopra di questa chiesa iniziò la costruzione dell’oratorio della confraternita del Santissimo Crocifisso detta “dei Bianchi” per via dell’abito cerimoniale.

Devastato da un incendio, a fine XVII, l’oratorio fu ricostruito e nel corso del secolo successivo arricchito di pitture, arredi e sculture.
Nel 1987 l’Assessorato Regionale Beni Culturali ha acquistato l’intero complesso destinandolo a Palazzo Abatellis. Il percorso dell’Oratorio dei Bianchi integra pitture, arredi e la decorazione plastica dei sei e del settecento. L’ingresso alla parte espositiva al piano terra è su piazzetta dei Bianchi.

Biblioteca

La biblioteca di storia dell’Arte medievale e moderna si trova nell’ala quattrocentesca dalla dine degli anni Ottanta ed è raggiungibile salendo lo scalone monumentale che si trova a sinistra dell’ingresso del Museo. Lo spazio per la consultazione, anche se limitato, è stato allestito, in occasione degli ultimi restauri del Palazzo, con un’ottica allargata per favorire al massimo le esigenze dell’utenza. Inizialmente questa biblioteca contava un numero limitato di volumi che sono aumentati mano mano tramite acquisti e donazioni. L’assetto degli attuali fondi librari rispecchia le caratteristiche delle collezioni di arte e storia del Museo che la ospita. Oggi la Biblioteca di Palazzo Abatellis è diventata una solida realtà per studiosi, studenti e appassionati della materia, che si interessano per le loro ricerche al tema dell’arte e della storia di Palermo e del suo patrimonio artistico.

Oggi questa biblioteca conta circa 6000 volumi tra cui monografie, cataloghi di mostre, riviste e saggi dedicati principalmente al collezionismo e all’arte italiana, con particolare attenzione a quella siciliana, e straniera dal XIV al XVIII secolo.

Info Galleria Regionale Palazzo Abatellis, Palermo

  • Galleria Regionale Palazzo Abatellis
    Via Allora, 4 – 90133 | Palermo

    Tel. +39 091 623 0011

>> Musei di Palermo

(Foto: Di Effems – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=74100031)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi