Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Castello di Paternò – Catania

Castello di Paternò – Catania
Itinerario dei Castelli Siciliani

Castello di PaternòCastello di Paternò

Il castello di Paternò è uno dei monumenti più notevoli lasciati dai Normanni.
È un maestoso volume parallelepipedo alto 34 metri che, dall’alto di una rocca basaltica, domina il paese. Fu costruito su un preesistente edificio arabo nel 1072 da Ruggero d’Hauteville, a cui si devono anche i castelli di Motta, Adrano, Troina, Nicosia, Rometta, Castroreale, Vicari, Mazara e Petralia. Tra il 1221 e il 1223 il castello fu destinato da Federico II di Svevia ad assolvere la funzione di stazione di soggiorno per le brevi permanenze imperiali e di fortino di retroguardia a difesa della pianura del Simeto.

Chiesa di Santa Maria dell'Alto e Castello Normanno. Paternò, Catania.

Dalla fine del XII secolo fino alla fine del XIV, si hanno poche notizie della Torre di Paternò.
Dal 1456, fu utilizzata, dai Moncada, come “pubbliche carceri distrettuali” fino al 1860, quando divenne proprietà del demanio, sotto il dominio Borbonico.

Il castello consta di tre piani. L’ampio salone al piano terra, coperto da una volta ad arco acuto, è illuminato da due monofore. La cappella, ricavata nello spessore murario, è costituita da un vano rettangolare ad una sola navata con abside e pareti dipinte a tempera, di epoca federiciana. Al primo piano troviamo un grande salone illuminato da quattro bifore in pietra calcarea e coperto da una volta ad ogiva, mentre al secondo piano una galleria con volta ogivale illuminata da due enormi bifore, una con colonna in marmo e l’altra con colonna in pietra lavica.

>> Itinerario dei Castelli Siciliani

Sto caricando…
0,00 €
Disponibilità
da:
3 Novembre 2018

Olio extra-vergine d’oliva 2018

La raccolta della produzione 2018 di olive è terminata e il nostro olio extra-vergine d’oliva  è di qualità eccellente come sempre. Da quest’anno il gusto classico è anche presidio Slow Food. Il nostro uliveto ultra centenario è stato riconosciuto come eccellenza italiana. La produzione è monocultivar e la spremitura a freddo per le tre varietà: Nocellara del Belìce: gusto intenso e forte con sentore di pomodoro. Giuseppe consiglia: “con arrosti importanti e bruschette” Cerasuola: gusto classico della varietà trapanese, profumo di erba fresca e carciofo Giuseppe consiglia: “a crudo con le insalate, per il pesto alla trapanese e per una frittura croccante”…

Su questo sito utilizziamo i cookies per raccogliere utili informazioni circa il suo utilizzo e migliorare ogni giorno l'esperienza di navigazione dei nostri utenti. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare l'informativa estesa nella pagina dedicata alla nostra Cookie Policy, dove potrai inoltre modificare o revocare il tuo consenso in qualsiasi momento. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi