Raggio: Chiuso
Raggio:
km Set radius for geolocation
Cerca

Castello di Favara – Agrigento

Castello di Favara – Agrigento
Itinerario dei Castelli Siciliani

castello-favara-agrigentoCastello di Favara

Costruito dai Chiaramonte nel XIII secolo, testimonia il passaggio dalla tipologia del castello a quella del palazzo. Il Palazzo, com’è comunemente chiamato, evoca la tipologia dei castelli svevi edificati nella Sicilia orientale e si può anche accostare ai “palacia” o “solacia” costruiti dal re Federico II di Svevia in Sicilia e in Puglia mezzo secolo prima.
Il suo uso non strettamente militare ma principalmente residenziale è dovuto anche alla posizione poco elevata del maniero che si presenta con un primo ordine di facciata compatto ed un secondo traforato da bifore, talune sostituite, in età rinascimentale da finestre architravate.

Itinerario del Castello di Favara

I locali al piano terra che ospitavano magazzini, scuderie e abitazioni della servitù, sono coperti da volte a botte e si affacciano tutti sulla corte interna tramite porte archiacute mentre le pareti esterne sono bucate da strettissime feritoie. Nell’androne d’ingresso una lapide reca ancora una misteriosa incisione che la credenza popolare vuole si riferisca ad un tesoro nascosto.

Castello di Favara - Agrigento

Degni di nota sono la cappella e il portale, affiancato su ciascun lato da due colonnine e da un fregio marmoreo rifinito a bassorilievo con amorini alati. I motivi delle decorazioni riecheggiano chiaramente l’età normanna: in particolare i fusti e i capitelli rievocano quelli del chiostro del Duomo di Monreale.

Castello di Favara - Agrigento

Curiosa la leggenda che narra di un passaggio che collegava il Castello al monte Caltafaraci al cui interno viveva la gallina dalle uova d’oro.
In effetti sotto la corte del Castello è presente un misterioso cunicolo.

>> Itinerario dei Castelli Siciliani

Sto caricando…
0,00 €
Disponibilità
da:
3 Novembre 2018

Olio extra-vergine d’oliva 2018

La raccolta della produzione 2018 di olive è terminata e il nostro olio extra-vergine d’oliva  è di qualità eccellente come sempre. Da quest’anno il gusto classico è anche presidio Slow Food. Il nostro uliveto ultra centenario è stato riconosciuto come eccellenza italiana. La produzione è monocultivar e la spremitura a freddo per le tre varietà: Nocellara del Belìce: gusto intenso e forte con sentore di pomodoro. Giuseppe consiglia: “con arrosti importanti e bruschette” Cerasuola: gusto classico della varietà trapanese, profumo di erba fresca e carciofo Giuseppe consiglia: “a crudo con le insalate, per il pesto alla trapanese e per una frittura croccante”…

Su questo sito utilizziamo i cookies per raccogliere utili informazioni circa il suo utilizzo e migliorare ogni giorno l'esperienza di navigazione dei nostri utenti. Per maggiori informazioni ti invitiamo a consultare l'informativa estesa nella pagina dedicata alla nostra Cookie Policy, dove potrai inoltre modificare o revocare il tuo consenso in qualsiasi momento. Cookie Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi