pachino-siracusa

Pachino

Pachino è un comune in provincia di Siracusa. Il nome Pachino deriva dal fenicio “pachum” ed ha il significato di “guardia”. Secondo altri la parola deriverebbe dal greco “paxus” e avrebbe il significato di “fertile”.
Oggi questo nome è strettamente legato a quello del pomodoro ciliegino che è chiamato appunto pachino.

Questo ridente paese si trova nell’estremo sud est della Sicilia a cavallo tra il Mar Mediterraneo e del Mar Ionio con un clima molto mite. Il borgo marinaro più famoso di questo paese è Marzamemi.

Storia di Pachino

Museo-Archeologico-Regionale-Paolo-Orsi-di-SiracusaIl promontorio di Pachino si è formato più di settanta milioni di anni fa, nel periodo cretaceo.
Stando a quanto ci dicono le fonti storiche pare che questo promontorio fosse abitato sin dalle prime epoche preistoriche. Circa 10.000 anni fa la grotta Corruggi fu abitata e sono stati ritrovati moltissimi reperti archeologici che oggi si trovano nel Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi di Siracusa.

I reperti sono raschiatoi, coltelli, lance, punteruoli, aghi ed altri oggetti.
Durante il neolitico questa grotta, insieme a quella del Fico, fu abitata dall’uomo e così fu anche per le successive età del ferro, del rame e del bronzo fino all’arrivo dei siculi quando le grotte furono abbandonate per le vicine abitazioni rupestri in zona “Cugni di Calafarina”. È in questa zona che nacquero i primi villaggi e di conseguenza le prime necropoli. Nel 750 a. C. questo territorio fu abitato da fenici, punici e greci.

Nel periodo ellenistico furono costruiti diversi templi dei quali oggi si possono ammirare i resti e contrada Cugni è una sorta di Parco Archeologico. Anche il territorio di Pachino ha subito diverse dominazioni e dopo i greci arrivarono i romani, nel 200 d. C. circa e vi restarono fino al 400. I romani trasformarono questa zona in un centro di attività commerciali e di colonizzazione.

acquedotto-della-Torre-XibiniSi sviluppò l’agricoltura soprattutto per quel che concerne la coltivazione della vite e del frumento. Dopo i romani fu la volta dei bizantini (300/800 d. C.), degli arabi (800/1090 d. C.) e poi dei normanni.

Gli arabi durante la loro permanenza diedero il nome alla frazione di Marzamemi, costruirono la tonnara, introdussero la coltivazione degli agrumi, bonificarono le zone paludose e completarono l’acquedotto della Torre Xibini.

Il declino cominciò con l’arrivo dei normanni seguiti da aragonesi e angioini. Durante queste dominazioni furono erette diverse fortificazioni a protezione dai pirati.
Dal 1583 al 1714 la Sicilia e il territorio di Pachino si riempì di numerose terre feudali.

La storia di Pachino, così come la conosciamo oggi, inizia nel 1734 quando la famiglia Starrabba di Piazza Armerina decise di risiedere nel territorio di Pachino per poter curare al meglio i propri interessi. Fu la stessa famiglia che nel 1760 circa chiese l’autorizzazione a fondare una città: Pachino.

Cosa vedere a Pachino

chiesa-madre-santissimo-crocifisso-pachinoDa vedere a Pachino c’è tantissimo.
Tutto dipende dalla scelta che si fa, se si vogliono visitare i monumenti, se si vogliono visitare le zone archeologiche, se si vogliono visitare le diverse location dei film o se si vuole semplicemente sostare sulle bellissime spiagge.

I monumenti più importanti ed interessanti sono: la Chiesa Madre SS. Crocefisso che fu edificata nel 1790 per volere del marchese Vincenzo Starrabba. Ha una struttura semplice con una sola navata e una cappella alla destra dell’abside.

Da visitare sono anche la Torre Scibini del 1449 fatta costruire da Antonio de Xurtino, la Tonnara di Marzamemi, il Palazzo e la Chiesa della tonnara e il Palazzo Tasca una costruzione dell’800 che ha un particolare cortile pavimentato con basole di pietra calcarea.

Le zone archeologiche sono quella della Grotta Corruggi, le fosse per la raccolta dell’acqua piovana, la Grotta del Fico, la Grotta Calafarina, le necropoli, i basamenti di capanne, il tempio greco e il villaggio romano.

Le location cinematografiche sono diverse, c’è la location dove è stato girato Kaos dei fratelli Taviani, quella dove è stato girato Sud di Gabriele Salvatores, quella de L’uomo delle stelle di Giuseppe Tornatore, quella di Oltremare di Nello Correale, quella di Cuore Scatenato di Gianluca Sodaro, quella dell’iguana di Catherine McGilvray e quella di Salvatore Questa è la vita di Gian Paolo Cugno.

Mare e Spiagge di Pachino

spiaggia-di-morghellaSe siete amanti del mare e volete rilassarvi e divertirvi lungo le spiagge c’è l’imbarazzo della scelta, otto chilometri di costa. Le spiagge più conosciute sono quella del Lido, Cavettone e Morghella che si trovano sulla costa ionica mentre su quella mediterranea ci sono la spiaggia di Cuffara e la Costa dell’Ambra. È inutile aggiungere che il mare è stupendo, in pieno stile siciliano azzurro sulla costa ionica e verde smeraldo, a causa dei fondali, su quella mediterranea.

Altre curiosità su Pachino

Pachino è una zona turistica molto amata, non solo per il mare. Sono diverse le attrazioni che possono catturare la nostra attenzione durante le nostre giornate di vacanza. E’ inoltre un’ottima meta per chi ama gustare del buon pesce. Pachino ospita anche il Festival del Cinema di Frontiera che si svolge nella piazza centrale di Marzamemi dove si proiettano cortometraggi provenienti da diverse parti del mondo.



Lascia un commento

Altri articoli correlati:

» Castello di Maniace - Siracusa

Castello di Maniace - SiracusaAll’estremità dell’isola di Ortigia, in provincia di Siracusa, sorge il castello di Maniace. Fu costruito 1038 per volere del comandante bizantino Giorgio Maniace ed è, ad oggi, una delle più importanti...

» Avola - Siracusa

AvolaAvola è un comune della provincia di Siracusa che si affaccia sulla costa Ionica, nel Golfo di Noto. Oggi Avola deve la sua notorietà anche al vino, uno dei più buoni della penisola...

» Teatro Greco di Siracusa

Lo scenografico apparato teatrale, tra i maggiori e suggestivi che ci siano pervenuti dall’antichità, si inserisce nei fianchi rocciosi del Colle Temenite, con la cavea rivolta verso il piano siracusano orlato dal mare...

» Val Di Noto

Val di Noto Escursione nell'Età BaroccaVal di Noto, nella parte sud della Sicilia, comprende otto capolavori in stile barocco: , , , , , , e . Le province di appartenenza sono tre: Catania, Siracusa e Ragusa.Nel 2002 Val di Noto è stata...

» Solarino - Siracusa

SolarinoInsediato in un luogo attraversato da San Paolo durante le sue predicazioni, questo ameno paesino dell’entroterra siracusano prende il nome proprio dall’apostolo Paolo. Un antico abbeveratoio...

» Riserve Naturali di Siracusa

Riserve Naturali di SiracusaCon le sue otto riserve naturali la provincia siracusana offre squarci di natura incontaminata e splendente. Cava Grande di Cassabile, Pantalica, Oasi faunistica di Vendicari...

» Spiagge Siracusa

Spiagge di SiracusaNella misteriosa e fascinosa Siracusa, dove l’arte e la storia fanno da padrone, non poteva mancare la bellezza della natura a suggellare l’incanto dei posti....

» Marzamemi - Siracusa

MarzamemiIn provincia di Siracusa Marzamemi è un piccolo paesino sulla costa orientale della Sicilia. Marzamemi deriva dall’arabo “Marzà al Hamen” che significa rada delle Tortore...

» Isola di Ortigia - Siracusa

Isola di OrtigiaIsola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico “ortyx” che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata...

» Augusta - Siracusa

Augusta - SiracusaAugusta (Aùsta in siciliano) appartiene alla provincia di Siracusa e il suo territorio che si affaccia sul mar Ionio, ospita 34.174 abitanti. Il nome della città deriva dal titolo imperiale...
Itinerari ed Escursioni della sicilia
mare ed isole della sicilia
parchi e riserve della sicilia
Musei e Monumenti della Sicilia
sicilcanapa Boschi della Siciliaprovincia-regionale-agrigento