>> Tu sei qui: Home | La Guida | Ragusa | Scicli - Ragusa



ScicliScicli

Scicli è un comune del sud della Sicilia appartenente alla provincia di Ragusa di quasi 30.000 abitanti.
I suoi confini arrivano fino al mare, anche se il centro abitato si estende nella parte collinare circondata da tre vallate dette Cave (le valli di Modica, di Santa Maria La Nova e San Bartolomeo).
Queste vallate hanno avuto origine in seguito a delle fratture tettoniche risalenti a milioni di anni fa. Il suo nome molto probabilmente deriva da Siclis, un appellativo usato per indicare i Siculi l’antico popolo siciliano che dominava i mari e che gli egiziani chiamavano Sheklesh e identificavano il loro paese con il nome di Scicla.

Storia e Sviluppo di Scicli

grotta-maggiore-scicli

La presenza umana nella zona di Scicli risale al periodo eneolitico, età del rame, testimoniata dai ritrovamenti nella Grotta Maggiore. Grazie alla presenza di numerose grotte questo territorio è da sempre stato abitato. I ritrovamenti archeologici parlano di un insediamento tardo bizantino del VII d. C. e uno bizantino medievale del X/XI secolo d. C. Scicli, si pensa, discenda dalla città greca-siracusana di Casmene del VII secolo a. C. ipotesi poco accreditata vista la conformazione del territorio.

Certo è che i contatti con i greci ci furono, così come ci dicono i resti archeologici che ci parlano anche di un periodo cartaginese. Dopo i cartaginesi arrivarono i romani che trasformarono Scicli in una città “decumana” (città che doveva pagare lo stato con un decimo del raccolto).
Con la caduta dell’impero romano d’occidente Scicli passò sotto il dominio dei bizantini e subì diverse razzie per mano dei barbari. Il periodo di massimo splendore Scicli lo visse sotto il dominio degli arabi, sviluppo agricolo e commerciale che la portò ad una notevole ricchezza.

chiesa-santa-maria-la-nuova-scicli

Diventò un paese molto ammirato per la sua ricchezza e nobiltà, molto popoloso e circondato da fertili campagne. I mercanti portavano prodotti provenienti da tutti i paesi, i migliori prodotti che si potevano trovare e Scicli si arricchiva sempre di più.

Dopo gli arabi arrivarono i saraceni che furono definitivamente cacciati dai normanni nel 1091 per opera di Ruggero d’Altavilla. A questa battaglia è legata una famosa leggenda, quella della Madonna delle Milizie, che narra della vittoria dei cristiani per l’intercessione della vergine Maria scesa su di un cavallo bianco a protezione di Scicli. Nella località dove avvenne questa battaglia fu costruita una piccola chiesa, quella della Madonna dei Milici. La battaglia ogni anno viene ricordata con una festa, la festa delle Milizie, che è una delle feste più grandi e note del paese.

Con i normanni arrivò a Scicli anche il sistema feudale e nel 1093 Scicli compare come paese dipendente dalla diocesi di Siracusa.
Dopo i normanni fu la volta degli svevi sotto i quali Scicli conservò il privilegio di essere città demaniale. La storia di Scicli è un po’ la storia di tutta la Sicilia, la storia di tutte le altre città siciliane, un susseguirsi di dominazioni diverse che hanno lasciato il segno e difatti dopo gli svevi, anche a Scicli, fu la volta degli angioini (1266). Il mal governo di Carlo d’Angiò scatenò una rivolta in tutta la Sicilia con l’insurrezione nota come i Vespri Siciliani.
Gli angioini furono cacciati dalla terra Siciliana e succeduti dagli aragonesi. Sotto il dominio di questo popolo si formò la Contea di Modica, della quale Scicli fece parte e dal 1535 al 1754 ne fu anche Sede d’Armi. Nel 1860 Scicli dichiarò la sua annessione al neo nato Regno d’Italia.

panorama-scicli

Cosa vedere a Scicli

Dopo la distruzione del grave terremoto del 1693 Scicli, come la maggior parte della Sicilia, dovette rimettersi in piedi, ricostruirsi. Rinacque in chiave barocca, difatti oggi appartiene alla Val di Noto, la valle del Barocco che è entrata a far parte dei beni dichiarati dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Tra le architetture civili, militari e religiose si possono ricordare: Palazzo Beneventano, che è il miglior esempio di palazzo barocco dell’intera Sicilia.

mascheroni-palazzo-beneventano-scicli-ragusa

Le principali caratteristiche sono i mascheroni “irriverenti” sopra i quali si trova lo stemma coronato dei Beneventano diventato simbolo della città. Tra le architetture religiose: la Chiesa di San Matteo, la Chiesa di San Giovanni Evangelista,la Chiesa di San Giuseppe, la Chiesa di San Bartolomeo Apostolo, la Chiesa di S. Maria la Nova, la Chiesa di San Michele, il Convento dei Cappuccini, il Complesso della Croce, il Complesso del Carmine e la Chiesa di Santa Teresa.

Un accenno particolare è dedicato alla Chiesa di Santa Maria la Nova che è la più antica della città. Le origini di questa chiesa sono, molto probabilmente, bizantine anche se nel corso del tempo ha subito diverse modifiche e migliorie. È sempre stata retta da potenti Confraternite il che permise, oltre a numerose opere sociali, il mantenimento elegante e lussuoso della chiesa stessa.
Dal 1994 la Chiesa di Santa Maria la Nova è sede del santuario di Maria SS. Della Pietà.

L’interno è in stile neo classico con un’enorme aula voltata alla quale fanno capo tre cappelle con rispettive cupole. Queste tre cappelle sono comunicanti. Le tre navate terminano con un grande coro.

La facciata esterna si presenta con un notevole sviluppo verticale e la presenza di torri che fungevano anche da campanile. Sculture, pitture e reliquie di grande antichità e pregio rendono questa Chiesa ancora più maestosa ed interessante.

Interessanti sono anche le architetture militari visto il passato di Scicli come cittadella fortificata. Da ricordare sono il Castellaccio, sulla cima di colle San Matteo, e il Castello dei Tre Cantoni. Palazzi, chiese, castelli ma anche piazze e giardini.

Durante una passeggiata per la città ragusana non si può non passare per Piazza Italia (la piazza più grande e più importante della città sulla quale si affacciano numerose architetture degne di nota: Palazzo Fava, Palazzo Iacono e Palazzo Mormina Penna), Piazza Municipio, Piazza Busacca e Villa Penna.

litorale-scicli-ragusaIl Litorale: Costa e Spiagge di Scicli

Quello di Scicli è il litorale più esteso di tutta la provincia di Ragusa e si estende da Pozzallo a Marina di Ragusa. Si susseguono località balneari come Sampieri, Costa di Carro, Cava d’Aliga, Donnalucata e Playa Grande.

Mare cristallino che si scontra con falesie e bagna sabbia dorata.
Ognuna di queste località balneari è molto sviluppata e, oltre il bel mare, offre anche numerosi servizi e possibilità di una vacanza davvero bella ed entusiasmante. Sono un mescolarsi di storia, di natura (con diverse zone protette) e di divertimento.

Donnalucata è il centro più scelto dall’aristocrazia del paese, difatti presenta numerose e graziose villette e, inoltre, vi è il Porto della città di Scicli.

Altre informazioni su Scicli

festa-della-madonna-delle-milizie-scicli-ragusa

L’economia di Scicli si basa in maggior parte sull’agricoltura e in particolare sulla produzione in serra che le dona il primato provinciale. Si producono agrumi, olio, carrube, vino e fiori. Oltre l’agricoltura anche la produzione di infissi in alluminio rende Scicli molto importante in Italia e all’estero.

Molti famosi letterati hanno parlato, nelle loro opere, di questa meravigliosa città incastonata tra tre valli: Elio Vittorini nella sua “Le Città del Mondo”, Pier Paolo Pasolini in uno dei suoi articoli ne parla come una città del purgatorio e Leonardo Sciascia.

Oltre la già nominata Feste delle Milizie vi sono altre feste che, durante l’anno, famose in tutta la regione: la Cavalcata di San Giuseppe, la Sagra della Seppia, la Sagra del Pomodoro, il Festival di Basole di Luce e il Carnaluvaaru ra Stratanova.



Lascia un commento

Altri articoli correlati:

» Pozzallo - Ragusa

Pozzallo - RagusaPozzallo (RG) è collocata sulla costa Sud Orientale della Sicilia inclusa tra il Mare Mediterraneo e le vallate dell’altopiano ibleo. E’ una cittadina di 18.908 abitanti con un patrimonio naturale e attraente, mare...

» Val Di Noto

Val di Noto Escursione nell'Età BaroccaVal di Noto, nella parte sud della Sicilia, comprende otto capolavori in stile barocco: , , , , , , e . Le province di appartenenza sono tre: Catania, Siracusa e Ragusa.Nel 2002 Val di Noto è stata...

» Militello in Val di Catania

Militello in Val di CataniaIncantevole cittadina barocca nella provincia di Catania è Militello. La città deve la sua fortuna a Giovanna d’Austria che la trasformò in corte e vi passò moltissimi dei suoi giorni.

» Modica - Ragusa

Modica - RagusaModica si trova in provincia di Ragusa, nel sud dell’isola siciliana. Il nome Modica deriva dal fenicio Mùrika che significa roccia nuda. Il territorio di questa città si estende su un vasto altopiano percorso da profondi...

» Noto - Siracusa

Noto è considerata un vero e proprio gioiello dell’architettura barocca settecentesca. La città originaria, la Noto antica, sarebbe nata da un antico nucleo fondato dai Siculi nel IX sec. A. C., al riparo dalle incursioni greche,...

» Comiso - Ragusa

Comiso - RagusaComiso, comune appartenente alla provincia di Ragusa, è popolato da 30.232 abitanti e sorge alle pendici dei Monti Iblei. Le vicende storiche dal dopoguerra ad oggi sono fondamentalmente collegate...

» Palazzolo Acreide - Siracusa

Palazzolo AcreidePalazzolo Acreide è un comune siciliano della provincia di Siracusa. È un’antica città piena del fascino della storia, della cultura e della tradizione. Nasce nel cuore degli Iblei, lì dove un tempo sorgeva la città greca...

» Caltagirone - Catania

Caltagirone - CataniaCaltagirone è una delle splendide città appartenenti alla Val di Noto. Immersa nell’arte e nella bellezza la città è divisa in due da Via Roma che arriva fin ai piedi della scalinata di S. Maria...

» Vittoria - Ragusa

Vittoria - RagusaLa città di Vittoria, seconda per numero di abitanti della provincia di Ragusa, si estende a sud dell’isola siciliana a 150 metri circa dal livello del mare. Vittoria nasce sulla valle dell’Ippari...

» Spiagge Ragusa

Spiagge di RagusaLa meravigliosa provincia di Ragusa offre 50 chilometri di costa, da Pozzallo a Scoglitti. Tante belle spiagge, quelle di località turistiche più in voga e quelle dei piccoli paesini...
sicilcanapa Boschi della Siciliaprovincia-regionale-agrigento